Fontana di Trevi

Condividi
Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

La storia di Fontana di Trevi, una delle fontane più famose al mondo, è strettamente legata a quella dell’acquedotto Vergine, in uso fino ai nostri giorni dal 19 a.C.
Già documentata nel medioevo, nel 1640 papa Urbano VIII da incarico a Gian Lorenzo Bernini di progettare una nuova fontana la cui costruzione si limita ad un basamento addossato agli edifici poi inglobati nel palazzo Poli con una vasca antistante.
Nel 1732 Papa Clemente XII indice un concorso per la realizzazione della Fontana di Trevi nella forma in cui la conosciamo oggi, il concorso viene vinto dal progetto monumentale di Nicola Salvi e la costruzione della fontana venne conclusa da Giuseppe Pannini che modifica parzialmente la scogliera regolarizzando i bacini centrali.

Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

La fontana di Trevi è articolata come un arco di trionfo, con una profonda nicchia, al centro domina la statua di Oceano su un cocchio a forma di conchiglia, trainato dal cavallo iroso e dal cavallo placido, frenati da due tritoni.
Ai lati della grande nicchia centrale altre due nicchie, più piccole, occupate dalle statue della Salubrità (a destra di Oceano) e dell’Abbondanza. Le tre nicchie sono delimitate da quattro grosse colonne.
La mossa scogliera in travertino, animata da essenze vegetali e animali scolpiti, è vivificata dallo scorrere copioso dell’acqua.

La leggenda vuole che lanciare una monetina nella Fontana di Trevi assicura il ritorno nella città eterna.

Dove si trova: Fontana di Trevi, Piazza di Trevi, 00187 Roma